mercoledì 4 maggio 2016

Recensione "INVISIBILE" di Andrea Cremer & David Levithan

TRAMA : Stephen è abituato a non essere notato. È nato così. Invisibile. A causa di una maledizione. Elizabeth ha desiderato spesso di essere invisibile. Se la gente non ti vede, nessuno può ferirti. Quando i due si incontrano però, qualcosa cambia per sempre nelle loro vite. Stephen si accorge con stupore che Elizabeth riesce a vederlo, e la ragazza si rende conto che desidera essere vista da Stephen, che non ha paura di mostrarsi a lui. Cosa sta succedendo? Da dove ha origine la maledizione che pesa sulla famiglia di Stephen? All’improvviso i ragazzi si ritrovano catapultati in un mondo segreto popolato da maghi e stregoni, di fronte a una scelta difficile, che mette in gioco il loro amore e le loro vite.





RECENSIONE : Bene cosa dire di questo libro... è carino, ma non vi aspettate nulla di che. La storia a mio parere poteva essere sviluppata moooolto meglio, l'inizio sembra promettere bene, ma poi la storia prende una piega completamente diversa. Non dico che sia brutto, però mi pareva mancasse qualcosa. Lo stile della Cremer e di Levithan in questo romanzo è semplice e scorrevole, in alcuni punti anche troppo scorrevole, quasi come se gli autori non vedessero l'ora di finirlo. Ma adesso parliamo un pò della trama...

Stephen è un ragazzo invisibile, nessuno l'ha mai visto, e l'unica persona che gli è sempre rimasta accanto, sua madre, adesso non c'è più. Il ragazzo è costretto alla solita, semplice, routine che gli permette di osservare e immaginare la vita degli altri e non pensare alla propria solitudine che lo circonda.  Un giorno al rientro da Central Park, incontra nei corridoi del suo condominio una ragazza. Non è una ragazza come le altre. Elizabeth è l'unica a poterlo vedere. Inutile dire che i due finiranno per innamorarsi. La loro storia d'amore l'ho trovata un pò troppo repentina, nelle prime cinquanta pagine infatti i protagonisti si sono già incontrati ed innamorati. Essendo un libro autoconclusivo gli autori avrebbero potuto allungare un pò la zuppa aggiungendo qualche pagina. Male non avrebbe fatto.
Stephen, Elizabeth e Laurie, il fratello di quest'ultima, verranno ben presto catapultati in un mondo che non pensavano potesse esistere. Un mondo abitato da Cerca-incantesimi, maghi Costruttori e maghi Distruttori. Ed è proprio uno di questi maghi Distruttori ad aver lanciato la maledizione su Stephen. I tre ragazzi, con l'aiuto di una vecchia Cerca-incantesimi, si metteranno sulle tracce del mago per cercare di spezzare la maledizione di Stephen.

Le parti che ho apprezzato di più sono sicuramente quelle in cui è presente Laurie, che grazie alla sua ironia riesce a dare un certo brio al libro. Oppure quelle in cui Stephen si ritrova da solo a riflettere sulla propria vita e su cosa significhi davvero essere invisibile al resto del mondo.

Non mi sento di sconsigliare questo libro perché comunque sia l'ho trovato carino, ma vi suggerirei di leggerlo se non avete altri libri sotto mano o se cercate una lettura leggera e poco impegnativa.


VOTO




Nessun commento:

Posta un commento